Formazione
Il cane e la quarantena

Il cane e la quarantena

La situazione che stiamo vivendo ha indubbiamente un impatto anche sui nostri amici a quattro zampe, in particolari i cani, i gatti sono decisamente più autonomi nella gestione della loro esistenza ed in particolare non devono essere accompagnati per espletare le loro esigenze fisiologiche.

Ogni cane ha delle sue dinamiche di comportamento e delle proprie esigenze e necessità, derivanti in buona parte dalle abitudini consolidate nel corso degli anni, abbiamo quindi cani che vorrebbero trascorrere ogni minuto all’aperto o a giocare e altri che invece passerebbero tutto il loro tempo sdraiati sulla cuccia o sul divano a dormicchiare, tra questi troviamo un’infinita gamma di variazioni.

Le variazioni, oltre ad essere individuali, sono anche rapportate alle differenze etologiche proprie delle diverse razze e delle diverse linee di sangue all’interno delle razze, il discoro vale anche per i meticci, ancora più complessi da definire non avendo una razza propria, ma essendo il mix derivante da più razze con le loro caratteristiche.

Tabella dei Contenuti

Cosa succede con il nostro isolamento?

La prima risposta è sicuramente che stando a casa possiamo passare più tempo con i nostri amici, è di fatto una verità, che non si applica con i miei cani, io sono sempre con loro lavorando da sempre in teleassistenza con i miei clienti.

Lo stare ora a casa con i nostri amici per più ore è comunque un cambio delle abitudini, i cani sono molto abitudinari, in particolare se fanno vita di appartamento, con uscite precise, percorsi precisi, incontri precisi. Sicuramente non vale per tutti, ma per una buona fetta di proprietari di cani si possono ipotizzare dinamiche di questo genere, nulla in contrario e nessuna critica.

Solo che adesso siamo a casa tutto il giorno, una grande novità per l’amico cane, che si chiede:

“Wow, che bello, mamy/papy sempre con me per sempre?”.

Magari a qualcuno questa cosa invece scoccia, abituato a dormire fino al ritorno a casa del proprietario e adesso si trova a dover fare altro e stare sveglio: “Ehi, ma tu non esci più, sempre qui a voler giocare?!”.

Sto ironizzando, ma nella realtà la nostra presenza continua sta sconvolgendo delle dinamiche consolidate, il cane si abituerà alla novità, prima o poi, ma una volta tornati alla normalità potremmo trovarci a dover affrontare in modo problematico il ritorno alla normalità (ad esempio sindrome da abbandono).

L’essere a casa non ci permette inoltre di fare con il cane quello che facevamo prima, andare all’esterno è un passaggio limitato, possiamo uscire solo per brevi periodi, non disponiamo più delle aree cani, molte sono chiuse, quindi siamo più a casa, ma usciamo di meno.

Anche le attività sportive all’aperto sono venute meno e il cane se ne rende conto e soffre della mancanza degli allenamenti e delle zie e zii con qui lavora durante questi allenamenti.

Per approfondimenti etico veterinari rimando alla registrazione della diretta del veterinario comportamentalista Diego Rendini sul cane e il corona virus.

Come mi organizzo con i miei cani?

M.I.B. - Edward - Rally Obedience

M.I.B. – Edward – Rally Obedience

Cerco di dare loro quello di cui hanno bisogno, che non è solo uscire per adempiere alle loro funzioni biologiche.

Uno di loro assolve alle sue funzioni biologiche appena lascia il perimetro del condominio, lui per sue dinamiche di sicurezza personale scende dal marciapiede e fa quello che deve, ma essendo un cane nato selvatico ha altre esigenze, l’assenza prolungata di un manto erboso è per lui un problema vitale.

L’altro soggetto ha invece delle dinamiche più complesse, ovvero deve trovare un luogo specifico per i bisogni solidi, legato alle tracce olfattive, mentre i bisogni liquidi vengono espletati in marcatura, pertanto camminando e annusando, si tratta di una situazione complessa che rende necessario adottare delle strategie specifiche per evitare di circolare per tempi lunghi. In tutto questo l’approccio della farà quando gli scappa è deleterio, infatti si parla di tempistiche di circa 24-36 ore per i liquidi e 36-72 ore per i solidi, situazione che può comportare nel medio termine a delle malattie.

Tutto questo implica delle strategie, che devono garantire le restrizioni sanitarie. Il punto chiave è sempre e comunque evitare i contatti, anche accidentali, con altre persone. Il contatto con altre persone non è del resto necessario durante le uscite con il cane, per quello esiste il telefono e tanti strumenti internet di comunicazione. Il secondo elemento, viene dopo, è garantire al cane la possibilità di espletare le proprie funzioni biologiche e dove possibile anche quelle etologiche (ad esempio scaricare il predatorio), al fine di mantenere un adeguato livello di salute fisica e mentale.

E poi cosa faccio?

Dare la zampa è un tricks

Dare la zampa è un tricks

Avendo azzerato ogni attività svolta con i cani, quelle che occupavano le due o tre ore quotidiane, perché svolgerle comporta lunghi spostamenti e contatti con altre persone, si è dovuto pensare ad altro.

Prima di tutto giochi in casa per impegnarli, ma questo a lungo andare diventa un’abitudine, che poi può essere difficile smettere. I giochi, anche cognitivi, vengono quindi fatti in modo non regolare, non tutti i giorni e in orari diversi.

Quando non si sono mai svolte attività domestiche può non essere semplice farlo, anche quando si fanno attività sportive con allenamenti, allora esistono le soluzioni più serie.

Io e i miei cani lavoriamo con degli istruttori, che in questo frangente stanno ricorrendo al telelavoro, con delle attività create per insegnare dei tricks (trucchi) ai nostri cani, quelle cose che si vedono spesso in tanti video e che in molti pensano essere delle azioni che il cane fa di sua spontanea volontà, in realtà non è così.

Il tutto è gestito con dei video incontri interattivi e personali, che evitano il contatto diretto tra persone, ma danno i corretti metodi da seguire per arrivare al conseguimento di un esercizio, il tutto divertendosi con il proprio cane e

impegnandolo mentalmente e appagandolo. Un aspetto di cui non si tiene conto nel rapporto con il cane è che due ore di passeggiata non è detto che appaghino e stanchino il cane, se noi camminiamo, ma il nostro cane trova piacere nell’annusare, e non gli permettiamo di farlo, il nostro cane tornerà a casa stressato e per niente stanco, chiedendo di fare altro.

Restare a casa e fare lezioni con i cani è possibile

Restare a casa e fare lezioni con i cani è possibile

Molti centri cinofili, istruttori ed educatori fanno oggi attività di formazione a distanza, trovarli è semplice ed è un mio consiglio costruttivo quello di cercarli e di iniziare dei percorsi, facili se siete all’inizio, così quando alla fine dell’emergenza riprenderete ad uscire, potrete magari decidere di fare altro con l’amico, oppure fermarvi e aver insegnato qualcosa a lui che continuerete ad usare, anche divertendovi in passeggiata.

È vero, i percorsi non sono gratis, ma non hanno nemmeno costi proibitivi, e del resto restando a casa si sono azzerati e ridotti molti altri costi, si consuma meno carburante, non si va più a mangiare fuori, non si comprano più prodotti considerati non necessari. In sostanza in questa situazione stiamo anche risparmiando, quindi possiamo valutare se investire qualcosa per i nostri amici cani, ma anche per noi, a fare gli esercizi e i compiti ci si distrae.

Per seguire queste attività la mia scelta è stata quella di affidarmi al personale del centro cinofilo M.I.B. Attività Cinofile, situato a Roma, ma per lo SmartWork Dog non importa il posto, internet porta ovunque. In questo centro ho trovato istruttrici preparate e delle amiche a cui affiderei i miei cani ad occhi chiusi, con alcune di loro siamo cresciuti insieme seguendo poi percorsi diversi.

Cosa non dimenticare

Feci e urina espellono anche tossine dall'organismo, per questo è importante farle con regolarità

Feci e urina espellono anche tossine dall’organismo, per questo è importante farle con regolarità

In questo particolare momento ricordiamo che ogni movimento al di fuori del proprio domicilio deve essere ponderato ed affrontato per ridurre a zero ogni rischio per gli altri e per noi stessi, portare a fuori casa il cane è una necessità etologica imprescindibile, ma deve essere fatto nel giusto modo e nella giusta misura.

Non usiamo i nostri cani come pretesto per uscire molte volte nel corso della giornata, oltre il minimo necessario per loro e oltre una distanza ragionevole per permettere loro di fare quanto devono, allontanarsi di chilometri da casa non è una necessità per il cane, lo è solo per noi.

Non dimentichiamo che non tutti i cani sono disposti a fare i loro bisogni sulle traversine in casa, per alcuni di loro uscire è una necessità non discutibile, l’aspettare che il cane sia allo spasmo e faccia i suoi bisogni dove si trova (sul balcone) è a lungo andare dannoso per la sua saluta, poi ci troveremo a dover andare dal veterinario, è anche dannoso per il suo comportamento, la sua aggressività potrebbe aumentare.

L’approccio corretto è quello di conoscere il proprio cane, di scegliere gli orari più adatti per quello che dobbiamo fare, pensare a cosa vogliamo fare con lui e valutare i tempi, sfalciando quello che non serve per ridurli. Creare dei momenti di interazione con loro per sopperire alla mancanza di movimento e attività all’esterno.

La nostra salute dipende da noi e la loro salute dipende sempre da noi.

 

Archivi
Prossimi eventi
Ott
24
Sab
2020
14:00 Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Ott 24@14:00–20:00
Corso Operatore B.A.U. - Primo Soccorso Cinofilo @ CoworkTalenti | Roma | Lazio | Italia
Tabella dei Contenuti Il corso basic animal urgencyBasic Animal Urgency è il percorso didattico realizzato da Salvamento Academy per il primo soccorso veterinario sugli amici cani. L’affetto che doniamo ai nostri amici cani, può non[...]
Nov
28
Sab
2020
14:00 Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Nov 28@14:00–20:00
Corso Operatore B.A.U. - Primo Soccorso Cinofilo @ CoworkTalenti | Roma | Lazio | Italia
Tabella dei Contenuti Il corso basic animal urgencyBasic Animal Urgency è il percorso didattico realizzato da Salvamento Academy per il primo soccorso veterinario sugli amici cani. L’affetto che doniamo ai nostri amici cani, può non[...]
Dic
19
Sab
2020
14:00 Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Dic 19@14:00–20:00
Corso Operatore B.A.U. - Primo Soccorso Cinofilo @ CoworkTalenti | Roma | Lazio | Italia
Tabella dei Contenuti Il corso basic animal urgencyBasic Animal Urgency è il percorso didattico realizzato da Salvamento Academy per il primo soccorso veterinario sugli amici cani. L’affetto che doniamo ai nostri amici cani, può non[...]
Gen
30
Sab
2021
14:00 Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Corso Operatore B.A.U. – Primo S... @ CoworkTalenti
Gen 30@14:00–20:00
Corso Operatore B.A.U. - Primo Soccorso Cinofilo @ CoworkTalenti | Roma | Lazio | Italia
Tabella dei Contenuti Il corso basic animal urgencyBasic Animal Urgency è il percorso didattico realizzato da Salvamento Academy per il primo soccorso veterinario sugli amici cani. L’affetto che doniamo ai nostri amici cani, può non[...]
Iscriviti alla nostra Newsletter
Manteniamo i tuoi dati privati e NON li condividiamo con terze parti. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.